CORSO DI ALTA FORMAZIONE | Edizione 2019

Architettura per il Food

IL SAPORE AL CENTRO DELLA PROGETTAZIONE

23 Settembre 2019 / 15 Novembre 2019

Tirocinio in MIRALLES TAGLIABUE, BAROZZI VEIGA

Le iscrizioni al corso sono terminate

Introduzione

È il protagonista di programmi televisivi, manifestazioni culturali e festival: sovrano incontrastato dei social, il cibo è diventato più di un semplice nutrimento. Nell’era contemporanea, il cibo è storia, identità, memoria di un luogo e tradizione di un popolo di cui i cuochi sono divenuti i nuovi depositari, assumendo a loro volta la dimensione di guru, di modelli, vere e proprie star protagoniste dello scenario culturale e comunicativo contemporaneo. E se i cuochi sono star, il loro palcoscenico è la cucina, la loro platea è la sala da pranzo. In questo complesso ecosistema l’architettura gioca un ruolo fondamentale, qualificandosi quale teatro del grande miracolo enogastronomico del nostro tempo.

Per simili ragioni a Bologna - nella culla della tradizione enogastronomica italiana - nasce il primo e più importante corso in Architettura per il Food: un percorso formativo d’eccellenza ideato per preparare progettisti sensibili sia alle numerose istanze di natura tecnica indispensabili alla lavorazione del cibo che alle differenti necessità di carattere formale per disegnare il giusto spazio per la specifica esperienza enogastronomica.

Spaziando dalla conoscenza delle caratteristiche organizzative di una cucina fino allo studio delle diverse strategie di food branding, i corsisti approfondiranno le tematiche tecniche e compositive fondamentali nell’affermazione di un ristorante, di un franchising o di una linea di prodotto, secondo un percorso composto da 102 ore di didattica frontale, 30 ore di laboratorio e numerosi interventi di professionisti di chiara fama.

Programma

Didattica

102 ore di Lezioni Frontali + Visite in Azienda

FOOD INTERIORS (6 ore)
Ristorazione e food retail tra design e contract
Paolo Lucchetta | Retail Design Srl
IL CIBO: STORIA E SIGNIFICATI (12 ore)
Analisi socio-economica del cibo
Simone Cinotto | Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo
RISTORANTI E FRONT-END (12 ore)
Progettazione esperienziale: il ristorante vissuto dal consumatore
Giovanni Franceschelli | Rizoma Architetture
PROGETTARE CANTINE (16 ore)
L’universo vitivinicolo e le proprie esigenze
Fiorenzo Valbonesi | ASV3
RISTORANTI E BACK-END (16 ore)
Progettazione tecnica: il ristorante vissuto dai cuochi
Vincenzo Veronesi | Veronesi Group
CIBO E COMMERCIO (8 ore)
Progettazione di ambienti retail nell’agroalimentare
Paolo Emilio Cassandro | Simone Micheli Architectural Hero
FOOD BRANDING (12 ore)
La dimensione della comunicazione: ad ogni esperienza, il suo spazio
Domenico D’Alessio | FUD - Lombardini 22
CASE HISTORY (12 ore)
Casi di successo nell’architettura per il food

 

LA DIMENSIONE DOMESTICA DEL FOOD (8 ore)
Case e cucine, fra lusso e socialità
Giacomo Beccari | Ciclostile Architettura
 

Special Lectures

 
UNDER: il primo ristorante sottomarino d’Europa / Angelo Pezzotta | Snøhetta
GLI INTERNI DEL RISTORANTE: un ritratto / Adam D. Tihany | Tihany Design
COLORE E MOVIMENTO: il mercato di Santa Caterina a Barcellona / Benedetta Tagliabue | Miralles Tagliabue EMBT
LIBERAMENSA: il design entra in carcere / Adelaide Testa e Andrea Marcante | Marcante Testa
RACCONTI DALL’ORIENTE: Sea Restaurant / Gong Dong | Vector Architects
LA TRADIZIONE IN MOSTRA: prosciuttificio Salpi / Enzo Eusebi | Enzo Eusebi and Partners
FOOD E DESIGN / Alfredo Häberli | Alfredo Häberli Design Development
FICO: il più grande parco al mondo dell’agroalimentare / Alessandro Bonfiglioli | Fondazione FICO
MARKTHAL: nuovi scenari pop del cibo / Jan Knikker | MVRDV
VINO E ARCHITETTURA: Ribera del Duero / Alberto Veiga | Barozzi Veiga
TRADIZIONE E INNOVAZIONE: il cibo quale terreno di sperimentazione creativa / Massimo Bottura | Osteria Francescana

Laboratorio

Italian Food University

RIQUALIFICAZIONE DI VILLA SORRA

Il corso è stato condotto in collaborazione all’Osteria Francescana di Chef Massimo Bottura, migliore chef al mondo, ma anche protagonista di numerose iniziative volte a promuovere benessere sociale e la valorizzazione della cultura e della tradizione nazionale. Il laboratorio ha esaminato il progetto di recupero di Villa Sorra e del suo giardino monumentale per la progettazione di quella che dovrebbe qualificarsi quale eccellenza italiana nella formazione enogastronomica, perfetta sintesi fra tutela dei valori storici nazionali e tensione contemporanea alla sperimentazione.

EDIZIONE 2019 | LABORATORIO DI ARCHITETTURA PER IL FOOD

Docenti

Benedetta Tagliabue
EMBT Miralles Tagliabue
Alberto Veiga
Barozzi Veiga
Adam D. Tihany
Tihany Design
Massimo Bottura
Osteria Francescana
Gong Dong
Vector Architects
Alfredo Häberli
Alfredo Häberli Design Development Studio
Jan Knikker
MVRDV
Matteo Agnoletto
Università di Bologna
Paolo Lucchetta
Retail Design
Giovanni Franceschelli
Rizoma Architetture
Andrea Marcante e Adelaide Testa
Marcante Testa
Domenico D’Alessio
FUD – LOMBARDINI22
Alessandro Bonfiglioli
Fondazione FICO
Giacomo Beccari
Ciclostile Architettura
Simone Cinotto
Università degli studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo
Angelo Pezzotta
Snøhetta
Fiorenzo Valbonesi
asv3 - officina di architettura

Tirocini

Al termine delle lezioni, l’ufficio Placement di YACademy garantirà a ciascun partecipante una proposta di tirocinio/collaborazione con alcune delle realtà professionali di maggiore attinenza rispetto all’oggetto del corso.

Video interviste

Alcune delle testimonianze degli ospiti di Architecture for Food

L'ARCHITETTURA PER IL CIBO SECONDO ALBERTO VEIGA

Alberto Veiga (1973, Santiago de Compostela) studia Architettura alla Escuela Técnica Superior de Arquitectura di Navarra. Nel 2004, insieme a Fabrizio Barozzi, fonda lo studio di architettura Barozzi Veiga. Tra il 2007 e il 2010, insegna all'International University of Catalonia a Barcelona e nel 2014 è Visiting Professor presso l'Istituto Universitario di Architettura di Venezia. Ha insegnato e tenuto lecture nelle facoltà di architettura di tutto il mondo: Spagna, Italia, Portogallo, Svizzera, Olanda, Stati Uniti, Regno Unito e Cile.

GONG DONG: UN CONSIGLIO PER I GIOVANI

Fondatore dello studio Vector Architects nel 2008, Gong Dong  è stato nominato “Distinguished Plym Professor” dall’Università dell’Illinois  ed insegna design presso la Tsinghua University dal 2014. I suoi lavori sono stati esposti in mostre internazionali come il “Freespace 2018” della Biennale di Venezia ed hanno vinto numerosi premi come la nomina per “Swiss Architectural Award 2018”, l’ “Overall Winner” della Archmarathon Awards 2016, la “Design Vanguard” di Architectural Record nel 2014. Tra i progetti più rappresentativi, ricordiamo la Ristrutturazione della Casa del Capitano, la Seashore Library, la Seashore Chapel, il Centro Sociale Chongqing Taoyuanju, il resort Alila Yangshuo, il Centro Culturale Suzhou Intangible. Molti progetti sono stati pubblicati da riviste internazionali quali il “New York Times”, “Domus”, The Architectural Review”. Dong Gong  tiene lectures presso università, accademie ed istituti professioanli qiali la Tsinghua University in Cina, l’Università dell’Illinois negli USA, il Politecnico Federale di Zurigo in Svizzera, la Société Française des Architectes in Francia.